La vendita dei tesori di Gina Lollobrigida: il retroscena svelato a Storie Italiane

Hai sentito parlare del patrimonio di Gina Lollobrigida? Oggi ti racconto cosa è successo negli studi di Storie Italiane, dove c’era l’avvocato Lupoi in collegamento. In questi giorni la notizia principale riguarda la vendita del patrimonio della Diva per pagare i debiti, ma secondo la legale Lupoi, avvocato di Andrea Piazzolla, la situazione è diversa.

Il testamento pubblico del gennaio 2017 prevede la liquidazione del patrimonio e la suddivisione del ricavato tra i due eredi, metà a Milko Skofic e metà ad Andrea Piazzola. La volontà di Gina era quella di vendere il patrimonio per onorare i debiti e lasciare il resto ai suoi eredi, partendo da questa impostazione che rispecchia il desiderio della Lollobrigida.

L’avvocato ha sottolineato l’importanza di liquidare il patrimonio della Diva, facendo un inventario dettagliato di attivo e passivo. Dopo un lavoro durato quasi un anno, si è proceduto con un’asta in sua memoria, l’unico modo per vendere un patrimonio mobiliare. La maggior parte dei debiti sono onorari degli avvocati, alcuni dei quali saranno contestati, ma una volta saldati, il ricavato andrà agli eredi come da volontà di Gina Lollobrigida.

Le opere d’arte della Diva non verranno mai vendute, in quanto rispecchiano le sue volontà. Anche se il testamento non è olografo ma pubblico, l’avvocato di Milko Skofic, Paolo Lelli, ha evidenziato che il testamento potrebbe non essere valido, obbligando il notaio a vendere i beni per saldare i debiti in mancanza di altri soldi disponibili.

L’avvocato di Skofic ha sottolineato che se il testamento non è valido, la volontà di Gina potrebbe non essere rispettata, sottolineando una condanna per circonvenzione di incapace in primo grado. È possibile impugnare il testamento anche in questo momento, senza aspettare il terzo grado del processo penale.

L’avvocato Lupoi ha ricordato che l’anno scorso è stata fatta una proposta transativa per cedere metà della villa a Milko Skofic, ma l’accordo non è stato raggiunto. È sempre preferibile trovare un accordo anziché andare in causa, ma deve esserci la volontà da entrambe le parti. Gina Lollobrigida ha espresso la sua volontà non solo con il testamento, ma anche in molte interviste in TV.

Insomma, la situazione è complessa e ancora da risolvere, ma è importante rispettare le volontà della Diva e trovare una soluzione che sia equa per tutti gli interessati. Resta aggiornato su nuovi sviluppi e vedremo come si evolverà questa vicenda.