Jasmine Trinca denuncia: il sistema protegge gli abusatori nel cinema

Hai mai pensato a quanto sia diffuso il problema del potere e delle molestie nel mondo del cinema? Jasmine Trinca ha recentemente affrontato questo argomento in un’intervista a Vanity Fair, sottolineando come il sistema sia marcio e il #MeToo italiano non sia sufficiente a fermare questa situazione preoccupante.

L’attrice ha parlato apertamente delle molestie subite, sottolineando come sia sempre una questione di potere. Non si tratta di “mele marce”, ma di un sistema che permette agli abusatori di continuare a lavorare e a esercitare il loro potere, anche a livelli molto alti. Trinca ha dichiarato di essere stata vittima di abusi fisici e verbali quando era più giovane e non aveva gli strumenti per reagire. Oggi, con maggiore consapevolezza, si rende conto di quanto fosse sbagliato e dannoso quel comportamento.

La presa di parola è fondamentale in queste situazioni. Ogni donna dovrebbe sentirsi libera di parlare quando è pronta e nel modo che preferisce, senza essere messa in discussione. La società e i media dovrebbero sostenere il coraggio delle donne anziché difendere gli abusatori. Troppe volte, infatti, il sistema reintegra gli abusatori, permettendo loro di continuare a fare carriera senza conseguenze.

Trinca ha anche sottolineato come in passato non si rendesse conto immediatamente di essere vittima di abusi, anche se in realtà lo era. Questo è il tratto che permette agli abusatori di approfittarsi della situazione, creando uno squilibrio di potere che mette le vittime in una posizione di vulnerabilità.

È importante che la società prenda coscienza di questa situazione e supporti le vittime di abusi, anziché difendere gli abusatori. Solo così si potrà creare un ambiente più sicuro e rispettoso per tutti, senza permettere che il potere venga usato per scopi sbagliati.

La presa di parola di Jasmine Trinca è coraggiosa e importante, e speriamo che possa portare a una maggiore consapevolezza su questo tema così delicato. Non possiamo più permettere che le molestie e gli abusi vengano ignorati o minimizzati. È tempo di agire e di creare un cambiamento reale.