Baby Gang: dal video shock alla lettera dal carcere – L’appello del trapper contro il marchio dell’infamia

Hai mai sentito parlare del rapper Baby Gang e della sua vicenda giudiziaria? Se ti sei perso i dettagli, ti darò un riassunto completo di quanto è successo.

Baby Gang è finito nei guai per una rissa che è degenerata in una sparatoria a Milano nel luglio del 2022. Il rapper è stato coinvolto insieme a Simba LaRue e la situazione si è conclusa con la ferita di due senegalesi. Baby Gang è stato condannato a 5 anni e 2 mesi di carcere per il suo coinvolgimento in questi eventi.

Le Iene hanno diffuso delle riprese inedite della rissa, dimostrando che Baby Gang era distante dall’azione quando è avvenuto il presunto furto. Tuttavia, è stato condannato per il furto e per aver tenuto in mano una pistola durante la rissa. Ha scontato 4 mesi di prigione prima di essere messo ai domiciliari.

Baby Gang è stato arrestato di nuovo per aver violato i domiciliari pubblicando contenuti su Instagram per promuovere il suo nuovo album. Ha iniziato uno sciopero della fame in protesta contro questa decisione, raccontando che non ha acqua calda e che non riesce a dormire. Chiede aiuto a Nicolò De Devitiis delle Iene per far luce sulla sua situazione.

Il rapper si dichiara colpevole di aver girato un video per il suo singolo, ottenendo tutte le autorizzazioni necessarie. Tuttavia, si sente tradito dal sistema giudiziario che gli ha tolto la libertà per una banalità. Ha paura che la sua carriera possa essere compromessa e che questa vicenda lo marchi per sempre.

Nonostante tutto, Baby Gang si dice pronto a continuare a scrivere e a cantare finché avrà voce. Non teme il carcere, avendo già scontato una pena in passato. Chiede a Nicolò De Devitiis di far sentire la sua voce al di fuori delle mura del carcere.

Questa storia è davvero toccante e fa riflettere su tanti aspetti della società e della giustizia. Speriamo che Baby Gang possa trovare la giustizia che cerca e possa tornare a fare ciò che ama: la musica. Resta aggiornato per scoprire come andrà avanti questa vicenda e se il rapper riuscirà a ottenere il supporto di cui ha bisogno.