Indagine di falso ideologico: l’avvocato Alessia Pontenani rompe il silenzio!

Sei pronto per scoprire gli ultimi dettagli sull’indagine di falso ideologico che coinvolge l’avvocato Alessia Pontenani e alcune psicologhe di San Vittore? Durante un’intervista al programma Storie Italiane su Rai Uno, l’avvocato ha chiarito la sua posizione, definendo la sua figura come assolutamente marginale in questa vicenda.

Secondo l’avvocato, se emergesse un presunto sistema di psicologi che favoriscono le madri assassine all’interno del carcere di San Vittore, sarebbe una situazione molto grave e curiosa. Tuttavia, Pontenani si è detta perplessa sulla finalità di queste presunte azioni.

Inoltre, l’avvocato ha sottolineato di aver mandato un messaggio ad una psicologa, ricevendo una telefonata dalla stessa in seguito. Pontenani ha spiegato di essere una persona cordiale e di fare spesso battute goliardiche, sottolineando che non si vergogna di aver scherzato sul pubblico ministero.

L’avvocato ha anche ribadito di non aver mai avuto rapporti con il personale interno di San Vittore e di non conoscere personalmente le psicologhe coinvolte nell’indagine. Tuttavia, ha sottolineato l’importanza di instaurare rapporti con le persone interne al carcere per svolgere al meglio il proprio lavoro e difendere i diritti delle persone coinvolte.

Che cosa riserverà il contro esame il 15 marzo? Resta connesso per scoprire gli sviluppi di questa vicenda che continua ad appassionare l’opinione pubblica. Stay tuned!