La Volta Buona: Il matrimonio di Maurizio Mattioli e Simonetta Benincasa

Maurizio Mattioli e sua moglie, Simonetta, sono stati ospiti a “La volta buona” per raccontare del loro matrimonio avvenuto ieri a Gorga, comune natale dell’attore. I due hanno dichiarato di stare insieme da dieci anni e di essersi conosciuti in passato, perdendosi di vista per diversi anni. Simonetta ha ammesso di aver inizialmente trovato Maurizio antipatico, ma col tempo ha capito che si era sbagliata.

Simonetta ha inoltre rivelato di aver organizzato il matrimonio in soli dieci giorni a causa di un problema di salute di Maurizio. Dopo alcuni accertamenti, hanno ricevuto una buona notizia riguardo alla salute di Maurizio, ma hanno deciso comunque di mantenere l’idea del matrimonio. A questo punto, l’attore ha fatto una battuta divertente, scherzando sul fatto che Simonetta lo avesse sposato perché stava “in bilico”.

Parlando ancora del matrimonio, Maurizio ha risposto a una domanda su uno degli invitati, Pingitore. L’attore si è commosso molto, affermando che Pingitore è stato più di un fratello maggiore per lui, fondamentale durante momenti difficili. Maurizio ha riconosciuto di dover a Pingitore gran parte di ciò che è diventato oggi.

Maurizio ha poi raccontato un episodio spiacevole accaduto nel 1995, quando è stato arrestato ingiustamente. Ha sottolineato il supporto che ha ricevuto da parte di Pingitore durante quel periodo difficile, dicendo che il regista non lo ha mai lasciato solo. Maurizio ha spiegato che è stato assolto e che tutto si è risolto per il meglio, ma ha sottolineato l’angoscia di essere arrestato all’improvviso senza sapere il motivo. Successivamente, Pingitore lo ha spronato a fare attenzione a come viveva e a cosa faceva, ma ha anche dimostrato il suo sostegno portandolo a fare una commedia a Rimini.

In conclusione, Maurizio Mattioli e Simonetta hanno condiviso la loro storia d’amore e il loro matrimonio avvenuto dopo dieci anni insieme. Hanno mostrato gratitudine nei confronti di Pingitore per il suo sostegno in momenti difficili della loro vita.